Chiesa di Sant’Abbondio di Masera

L’ingresso di Masera, provenendo dall’imbocco della Valle Vigezzo, è segnato dalla presenza dell’antico oratorio di Sant’Abbondio. La sua particolare forma obliqua sembra adeguarsi all’isola erbosa lasciata dalla strada comunale, che si biforca proprio in prossimità dell’edificio sorto su uno strapiombo roccioso.
La Chiesa di Sant’Abbondio, dalle dimensioni contenute, riesce a trasmettere un senso di nobile eleganza nelle sue snelle proporzioni, nonostante la mancanza di particolari ornamenti e decorazioni. La struttura risale al X o XI secolo, ma fu ampiamente rimaneggiata e trasformata nei secoli successivi. Tuttora l’oratorio è sconsacrato e viene utilizzato in occasione della celebre Festa dell’Uva di Masera come sede per esposizioni fotografiche o mostre d’arte.
La festa del paese nasce nel lontano 1925 con l’intento di festeggiare il termine di tutti i lavori di campagna e della vendemmia, prima del riposo invernale. Proprio in occasione della Festa dell’Uva, sul campanile romanico della chiesetta viene appeso un enorme grappolo d’uva, simbolo dell’evento del paese che richiama numerosi appassionati visitatori.
Recentemente restaurato e ancora oggi testimonianza integra e tangibile della storia antica di questa costruzione religiosa, il campanile dà il benvenuto all’ingresso del paese, con la sua base quadrata in pietra, la bassa piramide quadrata della cuspide, i primi due ordini di finestre a feritoia e i due superiori a bifore e a trifore.
Questa piccola chiesa rappresenta certamente, anche grazie alla sua posizione baricentrica, uno dei luoghi di culto simbolici dell’intera Val d’Ossola.

Ideale per
Tutti
Scoprirai
Cultura, tradizione e folklore
Devozione
Se piove
Storia e arte
Ideale per
Tutti
Scoprirai
Cultura, tradizione e folklore
Devozione
Se piove
Storia e arte
IAT di Domodossola
Piazza Matteotti
28845 Domodossola (VB)
Vedi mappa

Potrebbe interessarti anche...