Trekking – Trontano, Parpinasca e Val Grande
Difficoltà
Media
Periodo
Primavera / Estate / Autunno

L’itinerario si svolge in tre tappe, una suddivisione che permette di poter gustare appieno questo angolo di Alpi ricco di storia, natura e tradizioni rurali.
Il percorso può partire da Domodossola, approfittando della Ferrovia Vigezzina-Centovalli, con fermata a Trontano. La salita al Rifugio Parpinasca si sviluppa in mezzo a splendidi boschi di castagni: al rifugio si può soggiornare per poi ripartire il giorno seguente con la seconda tappa verso il Parco Nazionale della Val Grande. La terza tappa porta l’escursionista verso altri alpeggi di Trontano, permette di visitare i mulini del Rio Graglia, il caratteristico ponte con cappella centrale (l’ultima testimonianza di questo tipo in Val d’Ossola) e di ripercorre infine il selciato dell’antica Via del Mercato.

Descrizione

Dalla stazione FS di Domodossola si seguono le indicazioni per la Ferrovia Vigezzina-Centovalli (il treno bianco e blu parte dal tunnel sotterraneo, info e orari sul sito ufficiale). Si scende a Trontano, dove meritano una visita la chiesa e la località Castello con i resti dell’antico maniero. Si attraversa il paese in direzione est fino ad una casa con affresco, si sale quindi lungo il Sentiero natura del Parco della Val Grande fino alla località di Faievo. Poco sotto al Rifugio Parpinasca si prende la direzione per gli alpeggi dei Drisioni e da qui in direzione dell’Alpe Nava: da ammirare gli splendidi panorami sulla piana dell’Ossola.
Per raggiungere il Rifugio di Parpinasca, dove si potrà soggiornare, si scende all’Alpe Pieso e ai Boschetti.
Il secondo giorno si ritorna verso l’Alpe Nava, si continua su percorso A16 per raggiungere l’Alpe Rina con il bivacco degli Alpini, l’Alpe Menta e attraverso la caratteristica Scala di Ragozzale” si raggiungono l’omonimo passo e il bivacco. Da quest’ultimo parte il percorso P20 che porta alla località In La Piana, cuore silenzioso della Val Grande, dove assaporare un intimo contatto con la natura più autentica. Nel tratto tra il bivacco e la costa del Mottac occorre prestare molta attenzione, essendo un percorso su pendio scosceso. Raggiunta la costa si lascia il percorso P20 e si prende il sentiero P20a che, quasi in piano, porta al Passo di Basagrana. Anche da questo passo si può godere di una spettacolare visione d’insieme sulle cime ossolane e della Val Grande.
Si scende seguendo il percorso A14 fino poco sopra all’Alpe Campo per poi seguire il percorso A14a fino a raggiungere nuovamente il Rifugio Parpinasca.
Il terzo giorno è dedicato al rientro a Trontano: si risale con il percorso A14a fino ad incrociare il sentiero A14 e poi attraverso questo si scende all’Alpe Graglia, all’Alpe Briasca e al piccolo villaggio in pietra di Verigo.
Da quest’ultima località, fermata della Ferrovia Vigezzina-Centovalli, si raggiunge la Cappella di Verigo attraversando il paese e poi si imbocca il percorso M00a in direzione di Trontano. Questa bella mulattiera permette di attraversare campi coltivati a vite e di raggiungere i caratteristici mulini del Rio Graglia, splendidamente conservati. Si raggiunge infine Trontano, alle cui spalle spiccano le cime dell’Andolla e della Weismiess.

Info utili

Codice di individuazione su sito CAI

Zona A “Itinerari”– IA16

Notizie utili

Stazione Ferroviaria Internazionale FS di Domodossola (da Berna e da Milano). Si prende il treno della Ferrovia Vigezzina-Centovalli con fermata a Trontano.
Referente: Comune di Trontano
Referente CAI: Sezione di Domodossola
Parco Nazionale della Val Grande
Posto tappa: Rifugio Parpinasca

Difficoltà

Media difficoltà.
L’itinerario del primo giorno non presenta difficoltà oggettive, porre attenzione alla segnaletica nel tratto Drisioni / bivio A16 – Il percorso del secondo giorno è invece impegnativo, necessario prestare molta attenzione al tratto esposto tra l’Alpe Ragozzale e la Costa del Mottac. L’ultima parte dell’itinerario non presenta particolari difficoltà, porre attenzione solo nel primo tratto.

Lunghezza del percorso

1° giorno 9,5 km
2° giorno 16,5 km
3° giorno 8 km

Dislivello

1° giorno in salita 1244 m – in discesa 564 m
2° giorno in salita 1032 m
3° giorno in salita 270 m – in discesa 950 m

Tempo totale di percorrenza

1° giorno 5h
2° giorno 6h 20
3° giorno 2h 55

Attrezzatura consigliata

Scarponi e abbigliamento da montagna

Sentieri

A16 – A16b – A16a – A14 – A14a – M00a

Periodo consigliato

Da giugno a ottobre

Cartografia di riferimento

Carta n° 14 scala 1:25.000 della Geo4Map/CAI
Cartografia digitale su App: ViewRanger – Avenza Maps

Evidenze storiche, artistiche e culturali
Evidenze tradizionali e di vita contadina
Evidenze naturalistiche
Ideale per
Coppie
Tutti
Scoprirai
Natura
Sport
UNESCO
Guida alla lettura degli itinerari e info utili
Ideale per
Coppie
Tutti
Scoprirai
Natura
Sport
UNESCO
Guida alla lettura degli itinerari e info utili
Scegli la tua
guida alpina
IAT di Domodossola
Piazza Matteotti
28845 Domodossola (VB)
Vedi mappa
Scegli il tuo
accompagnatore naturalistico o guida turistica

Potrebbe interessarti anche...